riverside1---escursionismo.jpgriverside3-ciaspole.jpgriverside4--scialpinismo.jpgriverside5-bike.jpgriverside6--scialpino.jpgriverside7-alpinismo.jpgriverside8-arrampicata.jpg

2020_0927 Monte Viglio

 

FollettiAssociazione sportiva dilettantistica Folletti del Morrone

Monti Cantari - Simbruini:

Monte Viglio

 DOMENICA 27 SETTEMBRE 2020 
 
 Tipo di Itinerario:  Anello
 Punto d'incontro:

 ore 8.00 Capistrello (uscita superstrada Sora-Cassino)

 Orario di partenza:  ore 8.45 dal Valico Serra Sant’Antonio
 Difficoltà:

 EE (se si sale sul Gendarme EE+)

 Dislivello salita/discesa:  600/700m
 Tempo di Percorrenza:  5 ore e mezza 
 Lunghezza Percorso:

 13 Km

 Descrizione Percorso:

Valico di Serra Sant’Antonio (q. 1608m) – Fonte della Moscosa (q. 1618m) – Belvedere di Monte Piano (q. 1750m) – Monte Piano (q. 1838m) – I Cantari (q. 2050m) – Il Gendarme (q. 2143m-facoltativo) – Monte Viglio (q. 2156m) – Le Coste di Monte Viglio (q. 2103m) Fosso di Monte Piano (q. 1673m) – Fonte della Moscosa (q. 1618m) – Valico di Serra Sant’Antonio (q. 1602m)

 Punti d'acqua:  N. 1 (Fonte Moscosa)
 Esposizione al Sole:  80 %
 Esposizione al Vuoto:  No (ad eccezione del Gendarme, con passaggi di I grado)
 Itinerario per bambini:  no
 Sconsigliato per:  Persone non bene allenate e con problemi di vertigini
 Mezzo di Trasporto:  Auto Proprie
 Coordinatore:  Alfonso di Cesare

I dati pubblicati nella scheda escursione potrebbero essere modificati ed aggiornati in base alle previsioni meteo ed alle esigenze dei coordinatori. Si raccomanda, quindi, di verificarli in prossimità dell’uscita.

Descrizione itinerario:

Il Monte Viglio è una montagna bella ed elegante ma anche imponente. Osservandola dalla Piana del Fucino o dalle vette del Velino e del Sirente appare isolata a chiudere a sud la lunga catena dei Simbruini, con un ripido e roccioso versante sud-orientale. Da ovest (da Filettino o Campo Staffi) è invece una possente e ripida dorsale, con le pendici ammantate di boschi e rocciosa in alto.

E’ l’itinerario più panoramico, interessante e battuto per salire alla vetta del Viglio, la più alta del Parco dei Simbruini. Notevoli gli scorci sulla Valle Roveto e verso i monti del Parco Nazionale d’Abruzzo.

Si arriva dall’autostrada A25, uscita Avezzano, e si prosegue in direzione Sora - Cassino; si prende l’uscita per Capistrello e si segue la strada per Filettino. Parcheggio sul valico Serra sant’Antonio, tralasciando la strada che porta a Filettino e Campo Staffi.

Si prende la sterrata che entra nel bosco e porta alla Fonte della Moscosa. Da qui a sx si risale il bel valloncello percorso dal sentiero CAI. Si oltrepassa un piccolo pianoro e si arriva in cresta al belvedere di Monte Piano, su cui svettano una madonnina ed una croce. Da qui verso dx, mantenendosi sulla cresta, il percorso diventa sempre più duro e si raggiungono le pareti rocciose che precipitano dalla vetta dei Cantari e poco dopo si arriva sul crinale del Monte Piano.

Sempre sulla cresta e sulla dx - a mezzacosta - si scavalcano le cime dei Cantari, si scende leggermente e ci si trova sotto il torrione roccioso detto del Gendarme, che si supera passando in un canalino con passaggi di I grado (è possibile aggirare il Gendarme con un sentiero). Si risale l’ultima cresta che porta a Monte Viglio, su cui si innalza una croce di colore blu. Panorama a 360° che abbraccia i monti laziali e abruzzesi in una unica veduta. Per il ritorno, si continua verso le Coste di Monte Viglio, la Grotta della neve, Fosso di Monte Piano e Fonte della Moscosa per ritornare al punto di partenza.

Foto on-line:  
Articolo escursione:  

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information