riverside1---escursionismo.jpgriverside3-ciaspole.jpgriverside4--scialpinismo.jpgriverside5-bike.jpgriverside6--scialpino.jpgriverside7-alpinismo.jpgriverside8-arrampicata.jpg

ESCURSIONISMO

EscursionismoAbbiamo scelto l’escursionismo come attività principale poiché è uno sport che consente di unire cultura e movimento. In generale, l’escursionismo è inteso come attività non competitiva in cui si ricerca il contatto con la natura e la cultura dei luoghi; esso offre agli appassionati i piaceri del ritrovare il benessere interiore e della immersione nella natura e suscita, dalla conoscenza diretta e concreta sul campo, l'interesse verso un maggiore impegno nelle azioni di tutela del territorio.

 

Monte Calvo 20 giugno 2021

Il Gruppo Montuoso di Monte Calvo è una breve dorsale montuosa dell'Appennino centrale abruzzese, posta al confine tra Lazio e Abruzzo, che taglia trasversalmente lo spartiacque appenninico.

I folletti raggiungono per la prima volta la vetta più elevata di questo gruppo, Monte Calvo 1898 m. 

Dal Passo di Sella di Corno  saliamo in auto per uno stradino asfaltato che porta agli impianti di telecomunicazione (1476m), e qui iniziamo la nostra escursione.

La prima vetta che tocchiamo è proprio Monte Calvo (1898m). La giornata è calda fin dalle prime ore del mattino ed il cielo è, purtroppo, velato da foschia e nubi alte con il classico cielo biancastro tipico dell’anticiclone africano. Ci impedirà di godere di un punto panoramico privilegiato sull’intero Appennino al confine tra l’Abruzzo, il Lazio e le Marche. Dalla sua vetta, segnalata da una croce ben visibile anche da lontano, si ammira una cresta allungata che raggiunge il suo apice nei 1898 metri e si gode uno spettacolare panorama sulla sottostante conca aquilana sul Gran Sasso, sui monti della Laga, sui Sibillini, sul Terminillo, sul Velino e il Sirente, il Monte Ocre. Più lontano, verso est, chiude la sfilata la Maiella. 

Possiamo comunque apprezzare la bella fioritura, con il giallo prevalente, lungo il percorso ad anello per raggiungere la seconda vetta, Cima di Colle di Mezzo (1897m) e il Colle Sant’Agostino (q. 1744). Attraversato un boschetto ci ricolleghiamo al sentiero di salita per tornare in breve alle alle auto per la via di salita.

 

Galleria Fotografica

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information