riverside1---escursionismo.jpgriverside3-ciaspole.jpgriverside4--scialpinismo.jpgriverside5-bike.jpgriverside6--scialpino.jpgriverside7-alpinismo.jpgriverside8-arrampicata.jpg

2019_0623 Valle Cervara

 

FollettiAssociazione sportiva dilettantistica Folletti del Morrone

La faggeta di Valle Cervara: patrimonio mondiale dell’Unesco

  DOMENICA 23 GIUGNO 2019
 
 Tipo di Itinerario:  Escursione A/R
 Punto d'incontro:

 Ore  8.30 da loc. Prati d’Angro

 Orario di partenza:  Ore  8.45 da loc. Prati d’Angro
 Difficoltà:  E
 Dislivello salita/discesa:  600 m
 Tempo di Percorrenza:  5 ore 
 Lunghezza Percorso:

 ---

 Descrizione Percorso:

Prati d’Angro (1150 m) – Valle Cervara - Sorgente Puzza (1730 m). Ritorno per lo stesso percorso

 Punti d'acqua:  n. 1
 Esposizione al Sole:  60 %
 Esposizione al Vuoto:  0 %
 Itinerario per bambini:  12 anni in su
 Sconsigliato per:  Persone non allenate
 Mezzo di Trasporto:  Auto proprie
 Coordinatore:  Associazione Amici di Villavallelonga

I dati pubblicati nella scheda escursione potrebbero essere modificati ed aggiornati in base alle previsioni meteo ed alle esigenze dei coordinatori. Si raccomanda, quindi, di verificarli in prossimità dell’uscita.

Descrizione itinerario:

La Valle Cervara si trova in comune di Villavallelonga, nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, e si estende per 20 ettari ad una quota media di circa 1600 m tra il Monte Marcolano e il Monte Schienacavallo.

E’ l’habitat ideale per specie protette, tra cui l’orso bruno, e rappresenta un esempio unico di conservazione e sviluppo naturale del bosco, con alcuni esemplari di alberi che superano i 560 anni di età.

Data la particolare importanza di questo nucleo forestale (faggeta più antica d’Europa) l’Ente Parco ha inserito tutta la Val Cervara nella “zona A” ovvero di Riserva integrale dove l’accesso avviene unicamente lungo  l’apposito sentiero ufficiale del Parco contrassegnato con la sigla R5.

Inoltre, nel 2017 è stato attribuito alla Val Cervara il riconoscimento di Patrimonio naturale dell’Unesco poiché custodisce uno dei siti più importanti di faggete vetuste del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Foto on-line:  
Articolo escursione:  

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information